Evra è della Juve! Ma attenzione a Vidal...

Evra è della Juve! La firma tra oggi e domani: allo United circa 2,5 mln

I Red Devils premono per Vidal: Felicevich da oggi in Italia

MILANO, 9 luglio 2014 - Mancano solo cinque giorni al raduno della Juve. Antonio Conte si sta godendo gli ultimi attimi di vacanza e intanto aspetta notizie dai suoi dirigenti. In ritiro a Vinovo ci sarà mezza squadra perché i nazionali si aggregheranno a fine luglio e alcuni giocatori sono destinati a lasciare il gruppo in fretta per raggiungere una nuova destinazione. Il lavoro nel centro sportivo bianconero avrebbe un significato diverso se si presentassero i tre giocatori che Marotta e Paratici stanno trattando da tempo: Evra, Iturbe e Morata.

Il terzino Il francese del Manchester United potrebbe addirittura firmare per la Juve tra oggi e domani. Ieri c’è stato un altro contatto e un accordo è ormai stato trovato anche tra i due club: la Juve non intende spendere oltre due milioni, gli inglesi ne vorrebbero circa tre, facile ipotizzare un accordo a metà strada. Tra l’altro le due società fisseranno presto un appuntamento per parlare di Arturo Vidal: il cileno è ai primissimi posti della lista di Van Gaal, che prenderà in mano il Manchester subito dopo aver chiuso l’avventura mondiale con l’Olanda. Oggi arriva a Torino il procuratore Fernando Felicevich, che nelle scorse settimane ha cominciato ad affrontare con Marotta il discorso della possibile cessione di Vidal. Molto dipende dall’offerta degli inglesi: se sarà davvero alta, la trattativa potrebbe concludersi positivamente.

Fonte: GdS (estratto dall'articolo a firma di G.B. Olivero)






Evra: via libera per la Juve. C'è l'accordo con i Red Devils sulla base di circa 2,5-3 mln

Vidal: orbita United. Pronti 50 mln per convincere Marotta

TORINO, 9 luglio 2014 - Come una bella donna: dopo essere un po’ sfiorita negli anni bui seguiti alla risalita dalla serie B, con Antonio Conte in panchina la Juventus ha ritrovato quell’appeal che la rende una creatura desiderata. I campioni, a Torino dove si respira aria di Champions e si domina in Italia, vengono volentieri. Il problema, o l’opportunità se si affronta il discorso dal mero punto di vista finanziario, è che come ogni bella donna la Signora piemontese riceve tante lusinghe. E allora, se il “Red Devil” di lungo corso Patrice Evra smania dalla voglia di approdare in bianconero, all’opposto la dirigenza del Manchester United è al lavoro per agganciare Arturo Vidal. Che la Juve vuole tenere (quasi) a ogni costo, che ufficialmente non è sul mercato, e che il tecnico pugliese considera l’incarnazione di ciò che lui è stato in campo, da capitano juventino.

Tempi confermati
La cronaca, al capitolo Evra, registra la presenza degli agenti del terzino di piede mancino, ieri a Londra. Teoricamente in tutt’altre faccende affaccendati, ma in pratica con l’orecchio ben teso in ascolto di ogni segnale in arrivo da Manchester. Tra la Juve e il club inglese, ormai, la distanza è risibile. Lo United tira il prezzo per incassare una cifra quanto più possibile vicina a 4 milioni di euro, Marotta sgonfia il costo del cartellino di Evra ritenendo equi 2 milioni (il nazionale francese è pur sempre un calciatore di 33 anni con il contratto in scadenza nel 2015). Trovare il punto di equilibrio, a qualcosa più di 3 milioni di euro, non sarà un problema insormontabile. Già piallato, invece, l’ostacolo contrattuale. Il terzino, che in Italia ha lontani trascorsi con il Marsala e il Monza, ha fatto capire che ai 3,5 milioni netti annui per due stagioni proposti dalla Juve sarebbe disposto a firmare. Anche a breve, tanto che pure ieri, da più parti, si è ribadita la possibilità concreta di arrivare alla conclusione positiva della vicenda entro la fine di questa settimana (probabilmente fra domani e venerdì). Intanto oggi, giusto per limare i residui dettagli, l’entourage di Evra incontrerà l’amministratore delegato dello United, Ed Woodward.

Shaw e Rodriguez 
Altro indizio: per testare lo stato di maturazione di un’operazione è importante cogliere i segnali indiretti. Ebbene uno United fermamente deciso a confermare Evra, non andrebbe a caccia di un altro esterno sinistro, dopo che già ha investito quasi 40 milioni per assicurarsi Luke Shaw dal Southampton (che guarda caso non è un bomber, bensì un fluidificante mancino): la grande delusione della scorsa Premier, infatti, segue pure Ricardo Rodriguez, padre spagnolo e madre cilena, ma di passaporto svizzero e attualmente domiciliato al Wolfsburg.

Affare allargato 
Ora, mentre la Juve si prepara all’affondo decisivo, per Evra, al capitolo uscite cerca di erigere un fortino a protezione di Vidal (e Paul Pogba). Che, magari, potrà anche essere espugnato, ma solo a fronte di notevoli perdite (finanziarie). E sarà nelle prossime due, tre settimane che i grandi club europei si prepareranno per rivolgere ai dirigenti bianconeri l’offerta in grado di farne vacillare le attuali certezze. Tra questi proprio il Manchester United, che oltre a disporre di ingenti capitali ha in rosa quel Nani che sarà offerto quale contropartita tecnica. Uno sull’altro, cioè tra cash e giocatori, il “tesoro” per sperare di strappare Vidal a Conte dovrà ammontare attorno ai 50 milioni. Questa la cifra alla quale la dirigenza bianconera, che avrebbe la liquidità per chiudere le altre operazioni di mercato estive, lascerebbe partire il centrocampista.

Fonte: Tuttosport (articolo a firma di A. Baretti)

Commenti