Rifiutata prima offerta United per Vidal (40 mln + 3 di bonus). Per Marotta vale 50 mln, ma i Red Devils rilanciano.

E’ il suo valore per la Juve, che farà di tutto per trattenerlo. Ma lo United prepara la nuova offerta: 43 milioni più bonus. Finora gli inglesi avevano messo sul piatto 40 milioni, più altri 3 sulla base del rendimento: Marotta ha subito detto no. Pensieri di addio. Il Manchester ha proposto al cileno 6,7 milioni di ingaggio annuo: Arturo è tentato Felicevich media. A breve altri summit con Marotta: il procuratore presenterà l’offerta alla Juve 

Si apre la Gran Partita. Il Manchester United pianifica l’assalto finale ad Arturo Vidal. Ma a quali condizioni? La posizione della Juventus è oltremodo chiara. L’aveva ripetuto l’ad Beppe Marotta presentando Alvaro Morata, lo ha ribadito ancor più di recente il consigliere Pavel Nedved in un’intervista a un media ceco. Il succo, riassumibile in poche parole, udite più volte dai vertici del club bianconero: «Vidal rappresenta un punto di forza della Juventus. Difatti, così come per Paul Pogba, non abbiamo nessuna intenzione di cederlo. Ma in casi come questi quasi sempre è determinante, se non decisiva, la volontà dei giocatori. Noi siamo pronti a fare di tutto per trattenere Vidal, a meno che non sia il calciatore stesso a comunicarci di non voler più restare. E, parimenti, ci venga presentata un’offerta così straordinaria, da metterci nelle condizioni di ragionarci sopra con calma». Ma, il tutto, sempre sotto uno slogan: niente ricatti, niente forzature . Proprio perché la Juventus non è obbligata a vendere Vidal. Né vuole farlo, sulla carta.

La posizione di Allegri
Il nuovo allenatore ha subito sposato le posizioni della società. Sullo sfondo, tuttavia, non va dimenticato che la Juventus chiuderà il bilancio relativo alla scorsa stagione in perdita: un rosso superiore rispetto all’annata 2012-2013. Morale: un’iniezione di denaro fresco non è indispensabile, ma farebbe comodo, nel caso.

L’obiettivo dell’agente 
Nel tam tam del mercato internazionale balla soprattutto una cifra, quando si discorre del punto di caduta per Vidal. In ottica bianconera, il cileno non vale meno di 50 milioni, oggi come oggi. Un paniere di denaro che potrebbe anche essere limato verso il basso, durante un’eventuale trattativa: ma restando sempre sopra la quota minima dei 45 milioni. Tanto è vero che Marotta ha detto subito «no, grazie», quando l’agente di Vidal, Fernando Felicevich, qualche giorno fa gli ha palesato la disponibilità dello United a mettere sul piatto 40 milioni più 3 di bonus. Il procuratore svolge il ruolo di mediatore. Sta cercando di mettere i due club davanti a un tavolo per le trattative finali.

Vidal, primi sì allo United
In Inghilterra (ma anche in Cile) sono sicuri: Vidal ha già dato il suo primo via libera ai Red Devils, scrivono i media più interessati alla vicenda, sulla base anche di confidenze ricavate dall’entourage del centrocampista. Vidal sta bene a Torino, ma è anche affascinato dall’idea di poter raggiungere in Premier l’amico Alexis Sanchez, a suo tempo trattato dalla Juve, poi arpionato dall’Arsenal per oltre 40 milioni. Indiscrezioni pure sull’ingaggio proposto a Vidal dallo United: 6,7 milioni netti. In sostanza, un paio di milioni in più rispetto all’attuale ingaggio. Cifre inimmaginabili, a Torino.

Dalla villa alla svolta?
Dopo i contatti di ieri, Marotta oggi tornerà a parlare con Felicevich: in assenza di rinvii dell’ultimo momento, in programma vi è quello che, giornalisticamente, si può definire come il summit della verità . L’agente farà il punto della situazione con l’ad: i desideri del giocatore, le nuove offerte dello United. Fonti vicine ai Red Devils parlano di una proposta riveduta e corretta verso l’alto: riassumibile, secondo alcuni operatori di mercato, in una piattaforma non lontana da 43 milioni cash più bonus fino a 48/50, a seconda del rendimento di Vidal nella Premier. Il giocatore intanto ha messo in vendita la sua villa nell’hinterland di Torino. Ma per cercarne un’altra nelle vicinanze, ha fatto sapere alla Juve. Mah: si vedrà.

Van Gaal lo vuole da anni 
Louis Van Gaal ha fretta. Il nuovo tecnico del Manchester ha eletto Vidal quale priorità per il centrocampo. L’olandese inseguì (ma invano) il cileno già tra il 2009 e il 2011, quando allenava il Bayern.

«Ho un sacco di soldi»
L’ad del Manchester, Ed Woodward, ha appena dichiarato: «Siamo disposti a investire parecchi soldi sul mercato per riportare la squadra ai vertici del calcio mondiale. Non abbiamo un budget fisso. Possiamo... allargarci. Finanziariamente siamo estremamente forti, abbiamo molti fondi a disposizione. Stiamo portando avanti un sacco di trattative dietro le quinte». Appunto.

Fonte: Tuttosport (articolo a firma di M. Bonetto)

Commenti